• BarbaraPapiniFloriterapia

L’uomo: una corda tesa sopra un abisso


LeoniArt e gli Artisti Visionari hanno un nuovo progetto introspettivo-evolutivo a calendario. L’evento si terrà in Portogallo in ottobre 2020 e l’obiettivo sarà invitare il pubblico fruitore della Mostra a contattare l’abisso in cui dimora l’Anima, ”tuffandocisi dentro” per sentire, percepire, comprendere.

Nel ruolo di Messaggera tra Arte e Floriterapia mi scopro connessa fortuitamente a letture in risonanza col progetto. Si dice che nulla è mai per caso... vero?

Quindi in attesa del prossimo evento ed in presentazione del Trailer che troverete linkato qui sotto, ecco un Profondo Contributo Ispiratore firmato Nietzsche.


”...Zarathustra tuttavia guardò il popolo e stupí. Poi disse:

«L’uomo è una corda, tesa tra il bruto e il superuomo, — una corda tesa sopra un abisso.

Pericoloso l’andar da una parte all’altra, pericoloso il trovarsi a mezza strada, pericoloso il guardar a sé, Pericoloso il tremare, pericoloso l’arrestarsi.

Ciò che è grande nell’uomo, è l’essere egli un ponte e non già una meta: ciò che è da pregiare nell’uomo, è l’essere egli una transizione ed una distruzione.

Io amo coloro che non sanno vivere altrimenti che per sparire giacché sono quelli che vanno oltre.

Amo i grandi spregiatori perché sono i grandi adoratori: altrettante freccie del desiderio verso la riva opposta.

Amo coloro che non cercano già, oltre le stelle, una ragione di sacrificarsi e perire; ma che si immolano alla Terra perché essa appartenga un giorno al superuomo.”

Tratto da “Cosí parlò Zarathustra“ di Nietzsche.


(Foto... il mistico fascino dell’abisso del “capovolto” - equinozio settembre 2018 a Paulilatino - Pozzo di Santa Cristina)


E mentre mi lascio trasportare dalla profondità delle parole di Nietzsche per contattare le risonanze coi messaggi floreali, vi lascio il meraviglioso video di Corrado Leoni!

Buona visione!

https://youtu.be/iIbVYn0oc3s

27 visualizzazioni
  • White Instagram Icon
Immagine1.JPG

Tel: +39 366 8169280

©2019 Barbara Papini. Built by Massimiliano Figini